Soft Skills: i 29 segreti del manager vincente – Umaniversitas

Soft skills cruciali per conquistare il futuro

Ci sono abilità che è bene cominciare ad allenare ora per affrontare al meglio le sfide del lavoro di domani

Se pensate che per avere successo sul lavoro basterà “saper fare” molto bene quel lavoro, vi sbagliate. Insomma, portare a termine un progetto in modo tecnicamente inappuntabile non sarà sufficiente se non sarete stati anche capaci di reagire con fantasia e velocità a una difficoltà inattesa o di spegnere un focolaio di veleno nel gruppo di lavoro.

Tornano, insomma, di grande attualità le cosiddette soft skills, quelle abilità e attitudini legate più al carattere che al titolo di studio, più all’intelligenza emotiva che al sapere tecnico. Quelle qualità fondamentali nelle relazioni. Insomma, oltre che il “saper fare”, sempre più, in futuro, conterà il “saper essere”. «La crisi economica, gli scenari molto competitivi, i cambiamenti che trasformano incessantemente organizzazioni e prospettive, richiedono abilità ulteriori», spiega Marina Pezzoli, che ha curato il saggio Soft skills che generano valore (Franco Angeli), convinta che «entro il 2020 più di un terzo delle soft skills che saranno più richieste dal mercato del lavoro oggi non sono ancora considerate cruciali per le imprese. «In particolare», spiega, «il mercato del lavoro premierà chi possiede le soft skills sociali: capacità di persuasione, intelligenza emotiva, capacità di insegnare». Con Elle.it Marina Pezzoli sintetizza le 7 soft skills dell’imminente futuro, quelle su cui conviene già da ora puntare.

  1. La creatività«È la capacità di pensare fuori dagli schemi e vedere le cose da differenti punti di vista: nelle organizzazioni del futuro, chiamate a gestire cambiamenti sempre più rapidi, saranno le soluzioni innovative a fare la differenza e dunque le persone capaci di attuarle».
  2. La capacità di negoziare«Dentro organizzazioni sempre più complesse, la capacità di mediare diventa strategica sia sul piano individuale che d’insieme, per trovare continue soluzioni in linea con gli obiettivi da raggiungere».
  3. La proattività« È la capacità di prendere iniziative di pensiero e di azione per arrivare all’obiettivo, laddove serve, quando serve, come serve, senza che ciò sia necessariamente richiesto. È propria di chi si sente propositore, non follower».
  4. La capacità di insegnare«Nelle aziende, il 70% della formazione è ormai on the job e, in particolare, in quelle del futuro tutti, indipendentemente dall’età, dai ruoli e dalle gerarchie, saranno chiamati a insegnare. Insomma, crolla il modello secondo cui è il senior a trasmettere sapere ai nuovi arrivati: oggi i millennials hanno attitudini, abilità e competenze cruciali che è interesse di tutti che siano trasmessi alle altre generazioni più adulte presenti in azienda».
  5. Il pensiero criticoSi fonda sulla capacità di superare abitudini consolidate e visioni parziali attraverso l’osservazione, l’esperienza, il ragionamento e la comunicazione. «In futuro sarà sempre più apprezzato chi dimostrerà di non appiattirsi su formule già esistenti».
  6. L’empatia«Questa è una dote che potrà far brillare noi donne, a condizione che diventiamo profondamente consapevoli del fatto che ogni ambiente di lavoro è attraversato, anche, da grandi emozioni e che queste vanno assolutamente gestite: il rischio è che si trasformino in boomerang dall’effetto devastante. Gestite le emozioni, grazie a quell’attitudine già nota con il nome di intelligenza emotiva, possiamo dunque attivare l’empatia, trasmettendo agli altri la sensazione di capire ciò che provano, che è un grande facilitatore nelle relazioni».
  7. Attitudine al problem solving in situazioni complesse«Si tratta di un’abilità che, già a partire dall’esordio della crisi, nel 2008, era richiestissima. È forse la più difficile da mettere a campo, ma domani più che mai occorrerà dimostrare di sapere attraversare acque turbolente con gran sangue freddo».

SOFT SKILLS. VUOI CONOSCERE I SEGRETI DEI MANAGER DI SUCCESSO?
29 CONSIGLI PER SVILUPPARE LE TUE SOFT SKILLS.

 

SOFT SKILLS? CURRICULUM BRILLANTE, SOLIDO BAGAGLIO TECNICO, STUDI ED ESPERIENZE LAVORATIVE ALL’ESTERO, MA I RECLUTATORI NON TI SCELGONO? FORSE HAI SOTTOVALUTATO L’IMPORTANZA DELLE SOFT SKILLS.

 

“Soft skills” ti fa pensare a qualcosa di morbido e inconsistente? Sbagliato. Si tratta delle abilità e delle competenze più preziose per il tuo successo professionale.

 

“NON SOLO LAUREA E ESPERIENZE LAVORATIVE: IL CV DI UN CANDIDATO PERFETTO DA ASSUMERE DEVE PUNTARE ANCHE SULLE COSIDDETTE SOFT SKILLS.” (ANSA)

 

Soft skills. Intelligenza emotivaLe soft skills sono competenze connesse al tuo Quoziente di Intelligenza Emotiva (QIE) – in inglese Emotional intelligence (EI) o emotional quotient (EQ).
L’intelligenza emotiva è la capacità di essere consapevoli delle proprie emozioni e di quelle delle persone con cui si entra in relazione. Ai fini di un’ evoluzione armonica della personalità abbiamo bisogno di imparare a riconoscere e definire i nostri sentimenti e bisogni, di conciliarli con i nostri obiettivi a breve e a lungo termine e con i bisogni e i sentimenti delle altre persone coinvolte nel nostro percorso di vita. Abbiamo inoltre la necessità di motivare noi stessi e di imparare a mobilitare tutte le nostre risorse interne (energia, fatica, disciplina, tenacia, capacità di ripresa) e le risorse esterne (costruzione di reti sociali attraverso una comunicazione efficace, conoscenza sociale, empatia, lettura delle emozioni altrui, impostazione dei confini).

In linea generale le soft skills costituiscono il contraltare delle hard skills, per definizione facilmente quantificabili e misurabili (la conoscenza di un software, di un linguaggio di programmazione, le competenze tecniche). Le hard skills possono essere facilmente misurate e parametrate con con un test oggettivo; le soft skills no. E ‘ facile determinare chi ha le migliori abilità matematiche. E’ un’operazione più complessa  determinare chi è il migliore in innovazione, visione, ispirazione o diplomazia.

 

POTRESTI FAR FATICA A CREDERLO, MA LE SOFT SKILLS SONO LE COMPETENZE PIÙ IMPORTANTI PER LA TUA CARRIERA.

 

Le soft skills includono:

  • soft skills relative ai tratti di personalità
  • soft skills relative alle attitudini sociali
  • soft skills relative alle competenze interpersonali
  • soft skills relative agli stili di comunicazione
  • soft skills relative alle proprietà espressive e linguistiche
  • soft skills relative alle doti empatiche.

 

Soft Skills. Abilità speciali difficili da misurareLe soft skills sono le competenze più difficili da sistematizzare, automatizzare, replicare. Definiscono primariamente l’attitudine alla leadership, alla creatività, all’efficacia relazionale, al team work e al problem solving. Ma sono strettamente connesse ad una enorme quantità di attitudini e talenti.
Il grado individuale di intelligenza emotiva, e il relativo affinamento delle soft skills dei propri uomini, rappresentano un contributo determinante al miglioramento dell’immagine aziendale. Lavorare sui tratti caratteriali, sull’intelligenza emotiva e sullo sviluppo della consapevolezza dei propri manager può rappresentare per l’azienda un elemento di interesse primario, e garantire un ritorno senza pari – in termine di immagine e prosperità degli affari.

Data la grande importanza che stanno assumendo agli occhi dei recruiter e presso le aziende,  è bene cominciare ad affinare le soft skills  prima possibile, anche durante gli studi.

 

 

 

LA MIA IDEA DI SOFT SKILLS

A mio avviso un’abilità, per poter rientrare nella categoria delle soft skills, deve possedere 3 requisiti:

  • Non puoi misurarla con i metodi classici. Non esiste una griglia di valutazione. Un problema tecnico, un problema di logica, un quesito matematico, possono essere risolti con un approccio variabile ma portano ad un risultato definito e condiviso, ad un dato oggettivo. La manifestazione di un talento connesso alle soft skills avviene in funzione del campo e del contesto: dipende dallo stato emotivo del momento, dalle circostanze esterne, dal ruolo dell’osservatore, dal tipo di persone con le quali sei in relazione.

 

  • Un’abilità che rientri nella categoria delle soft skills è facilmente esportabile da un contesto lavorativo ad un altro. E in ogni contesto conserva la caratteristica di valore aggiunto. Rappresenta parte di un patrimonio personale inalienabile, fondato sulla forza interiore e l’efficacia delle competenze relazionali. Se il lavoro – di qualsiasi lavoro si tratti- prevede l’interazione tra esseri umani, le soft skills faciliteranno il lavoro degli uomini e garantiranno successo all’azienda.

 

  • Una specifica abilità che rientri nel campo semantico delle soft skills possiede la caratteristica di essere sempre in uno stato di affinamento. L’acquisizione e la gestione di tali tipi di abilità avvengono nel corso di un processo di apprendimento permanente. E’ possibile raggiungere un certo grado di competenza, che si rivelerà adeguato fino al successivo evento critico, il quale richiederà un innalzamento del livello precedentemente raggiunto.

 

 

VEDIAMO ALLORA QUALI SONO LE PRINCIPALI SOFT SKILLS E COME FARE PER MIGLIORARLE

 

Qui di seguito ti offro la mia lista di soft skills.
Ci sono 29 soft skills che ogni professionista dovrebbe sviluppare:

 

12 SOFT SKILLS CONNESSE ALLA GESTIONE DI SE’ E ALLA CRESCITA PERSONALE

17  SOFT SKILLS DI TIPO SOCIALE E RELAZIONALE (DI CUI 8 SOFT SKILLS SEGRETE, O DI CASTA)

 

 

Non importa che tipo di lavoro tu faccia. Troverai straordinariamente utile per  la tua carriera e il tuo succerso professionale lo  sviluppo di queste 29 competenze trasversali.

12 SOFT SKILLS RELATIVE ALLA GESTIONE DI SE’ E ALLA CRESCITA PERSONALE

Soft Skills e crescita personaleLe 12 Soft Skills connesse alla gestione di sé e alla crescita personale sono relative al modo in cui percepisci te stesso e gli altri, alla tua modalità di gestione delle emozioni e allo stile adottato per reagire a circostanze avverse. Solo in presenza di un assetto personale solido e ad un forte equilibrio interiore si creano le condizioni mentali ed emotive per affrontare con successo gli impegni connessi allo sviluppo professionale e di carriera.

 

 

 

 

 

 

 

1. AMPLIA IL TUO CAMPO VISIVO

Soft Skills 1/29. Non rimanere concentrato sulla punta dei tuoi stivali. Guardati intorno. Guarda lontano. Espandi il tuo presente e guarda, come lo guarderebbe un visionario, al futuro. Non lasciarti sopraffare da una crisi contingente. L’avrai sentito ripetere un milione di volte. Ma l’hai compreso? “Ogni crisi è un’opportunità”. Per imparare, crescere, prepararsi ad un passaggio evolutivo. Per te come essere umano, e per la tua azienda.

 

2. RESTRINGI IL TUO CAMPO VISIVO

Soft Skills 2/29. Smettila di guardare e inseguire la linea dell’orizzonte. Ti sfugge sempre. Guardati intorno, guarda i tuoi piedi, e la strada su cui stai camminando. Osserva chi sta viaggiando con te. Guarda il panorama. Vivi nel presente. Qui, ora. Quando cerchi il responsabile dei mali del mondo, e lo cerchi fuori di te, torna a guardare te stesso. Quando cerchi un capro espiatorio per tutto ciò che non ha funzionato, e lo cerchi fuori di te, torna a guardare te stesso. Smetti di incolpare gli altri. Smetti di pretendere che siano gli altri a cambiare. Cambia te stesso, e il tuo punto di vista sul mondo, e avrai cambiato il mondo.

 

3. OSSERVATI, FAI AUTOCRITICA, MA NON FLAGELLARTI

Soft Skills 3/29. Sii consapevole dei tuoi limiti e dei tuoi errori. Osservali come osserveresti il passaggio delle nuvole nel cielo. Osservali e comprendili, ma non identificarti con i tuoi errori. E non flagellarti mai. L’autocritca feroce non rientra tra i talenti di chi possiede soft skills.

 

4. ADOTTA UNA FORMA DI PENSIERO LATERALE

Soft Skills 4/29. Soft skills significa anche uso creativo della mente. Osserva un problema da angolazioni diverse. Se stai spingendo contro una porta che non si apre, prova a vedere se sopra la maniglia c’è scritto “tirare”.
Se ancora non si are, esplora “ai lati” della porta. Potrebbe esserci un’altra via.
Impara a non concentrarti sulla soluzione diretta di ogni prolema.
La ricerca di soluzioni implica comunemente un tipo di ragionamento basato sulla logica sequenziale: il problema viene affrontato partendo dalle considerazioni ritenute più ovvie. Il pensiero laterale cerca punti di vista eccentrici e alternativi. Adottando una forma di pensiero assimilabile a quella del pensiero divergente – il tipo di soft skills e di pensiero che non ti insegnano a scuola. Il pensiero divergente è alla base della possibilità di individuare soluzioni multiple e insospettate ad un problema che sembrava privo di soluzioni. E’ un approccio originale e fluido secondo il quale le soluzioni migliori ad un problema possono emergere solo:

  • prescindendo da quello che inizialmente sembra essere l’unico modo logico, ragionevole e possibile di fornire una risposta;
  • uscendo dal campo del “già pensato” e dai processi logici inerziali, cercando spunti, idee, intuizioni in grado di forzare i limiti del prevedibile.

 

5. AUMENTA LA TUA CONSAPEVOLEZZA. LA MADRE DI TUTTE LE SOFT SKILLS.

Soft Skills 5/29. “Conosci te stesso“, (in greco antico: ΓΝΩΘΙ ΣΑΥΤΟΝ), era scritto sulle colonne del Tempio di Apollo a Delfi. Eredità della sapienza delfica. Anna Freud, figlia del più famoso Sigmund, ad una domanda su ciò che uno psicoanalista adeguato può fare e non può fare nel suo lavoro, una volta rispose: “Può fare ciò che vuole, basta che sappia cosa sta facendo”. Questo vale anche per un imprenditore, per un manager, per un leader. Conosci e comprendi che cosa ti muove, le ragioni profonde per cui fai le tue scelte. Sii consapevole dei tuoi punti di forza e non nascondere a te stesso le tue debolezze. Sii conscio di quello che ti anima, e ti spinge; di quello che ti motiva e ti fa arrabbiare, ti imbarazza, ti frustra, ti ispira.
Sii in grado di essere osservatore di te stesso. Anche e soprattutto in un condizioni di stress. E comprendi come la tua storia personale, l’idea che hai di te, la presenza di specifiche persone, e particolari circostanze, possono modificare e guidare le tue azioni, talvolta in contrasto con la tua  volontà cosciente. Questa è, tra tutte le soft skills, quella che io considero essere la più importante.

 

6. IMPARA A REGOLARE LE TUE EMOZIONI

Soft Skills 6/29. Diventa in grado di riconoscere e gestire le tue emozioni, con particolare riferimento a quello negative, mentre stai lavorando. Imbarazzo, frustrazione, rabbia possono condizionare le tue scelte e impedirti di pensare con lucidità. Agirai di conseguenza. E il guerriero accecato dall’ira non è mai quello con maggiori probabilità di vittoria.  Softs skills, quando la battaglia è impegnativa.

 

7. AUTOSTIMA E FIDUCIA IN TE STESSO

Soft Skills 7/29. Credi in te stesso, e nella tua capacità di compiere qualsiasi cosa. Forse l’hai dimenticato, ma hai già dentro di te tutto quello che ti serve, ora. Ovunque tu voglia andare, ci sei già. Evita la boria, non essere un pallone gonfiato. Sii intimamente fermo, e consapevole della tua forza.

“Qualunque cosa tu possa fare, qualunque sogno tu possa sognare, comincia. L’audacia reca in sé genialità, magia e forza. Comincia ora”. (Goethe)

 

8. GESTISCI LO STRESS

Soft Skills 8/29. Evita il burnout. Le situazioni di stress si presentano continuamente. Sapere come ridurre il tuo livello di stress, aumenta la tua produttività, ti mantiene motivato, determinato, e in buona salute. Lavora con dedizione, passione ed entusiasmo, ma conserva la calma e l’equilibrio nelle situazioni difficili. Conservare un buon grado di salute fisica ed emotiva ti mette nelle condizioni migliori e raccogliere le prossime sfide, e guidare gli uomini della tua squadra che esitano o vacillano.

 

9. PERDONA E DIMENTICA

Soft Skills 9/29. Sii tollerante con te stesso. Non ignorare i tuoi errori, ma perdonali. E perdona coloro che intorno a te possono sbagliare. Avanza nella vita e nella carriera evitando di portare con te un fardello emozionale e mentale ingombrante. Non trascinarti dietro le catene del rancore, della rabbia non sopita, del desiderio di vendetta. Essere libero e leggero ti consente di avanzare con determinazione e attingere per intero alle tue energie e alle tue potenzialità di affermazione professionale. Non disperdere energie in faide, risse da cortile o guerre planetarie. Hai una vita da vivere, un sogno da realizzare, una carriera da guidare verso traguardi entusiasmanti.

 

10. SII PERSISTENTE E PERSEVERANTE

Soft Skills 10/29. Mantieni un grado costante di applicazione. Utilizza la tua energia a sostegno del tuo entusiasmo, della tua dedizione, del tuo desiderio di crescere – umanamente e professionalmente. Conserva il desiderio di imparare. Non arrenderti per alcuna ragione di fronte alle difficoltà, ai fallimenti, ai contrasti, alle opposizioni. Non esiste un’opposizione che sia realmente tale – a meno che non si tu a decidere di opporti a te stesso. Soft skills significa anche: non essere tu il tuo nemico.

 

11. SII PAZIENTE

Soft Skills 11/29. “Ogni potere umano è composto di tempo e di pazienza” (Honoré de Balzac). Mettiti nella condizione di fermarti se hai la sensazione che le cose stiano procedendo in modo affrettato e caotico. Recupera la possibilità di sostituire il pensiero all’azione. Rimanda una decisione, o una scelta. Pensa con chiarezza, arriva con maggior calma a decidere la strategia migliore per raggiungere validi obiettivi a lungo termine, piuttosto che obiettivi a breve raggio ma eccessivamente rischiosi o incerti.

 

12. SII EMPATICO

Soft Skills 12/29. Presta attenzione agli altri. Sono esseri umani, con i loro talenti, e le loro fragilità. Non restare imprigionato nei panni di nessuno, ma impara a metterti momentaneamente nei panni di tutti. Dedica ai tuoi uomini tempo e attenzione. Non sei l’unico. Sei importante, ma non sei il centro del mondo. Non dimori in un sistema in cui tu sei il sole, e gli altri i raggi. Può capitarti di concentrarti unicamente su te stesso, e su ciò che tu hai di importante da dire. Dimenticando quanto possa essere prezioso – per te, per la qualità della tua vita emotiva e relazionale, per gli altri- ascoltare. L’incapacità di ascoltare, e di avere un genuino interesse per gli esseri umani che ti circondano, può condurti nel tempo a dover gestire una quantità inimmaginabili di problemi organizzativi connessi alla gestione del team e dell’azienda. Problemi di cui talvolta non riesci a capire il senso, la natura e l’origine. Adesso lo sai. Non hai saputo ascoltare. Non sei stato empatico con la tua squadra. E’  ancora una volta una questione di soft skills.

 

17  SOFT SKILLS RELAZIONALI

Soft skills relazionaliNell’ampio contesto delle soft skills, le soft skills relazionali riguardano l’attitudine all’interazione sociale, al lavoro di squadra e alla leadership – la capacità di guidare, motivare, ispirare altre persone.
Sono divise  in due sezioni.

  • 9 SOFT SKILLS RELAZIONALI CONVENZIONALI (li troverete facilmente in ogni elenco)
  • 8 SOFT SKILLS RELAZIONALI SEGRETI O DI CASTA (puoi attraversare una intera carriera senza averne mai sentito parlare).

 

 

 

9 SOFT SKILLS RELAZIONALI CONVENZIONALI.

E’ un elenco delle soft skills relazionali più comuni e generalmente condivise.

1. MIGLIORA IL TUO STILE  DI COMUNICAZIONE

Soft Skills 13/29. Abbiamo già parlato dell’importanza di includere l’ascolto nel proprio stile comunicativo. Capacità di comunicare significa però anche possedere adeguate abilità espressive. Avere buone idee non è sufficiente in assenza della capacità di esprimerle in maniera appropriata. Questo vale tanto per la comunicazione scritta quanto per quella verbale. Nel corso del mio lavoro ho avuto l’opportunità di leggere alcune centinaia di curriculum e di condurre altrettanti colloqui di selezione. Sono troppo frequenti i casi di persone, di sicura intelligenza e certamente di talento, incapaci di esprimere e comunicare adeguatamente le loro capacità e potenzialità.

 

2. TEAMWORK. IMPARA A LAVORARE IN SQUADRA.

Soft Skills 14/29. Saper lavorare in squadra è un grande talento. E’ una delle soft skills più richieste. La squadra è un sistema complesso, e non omogeneo. Include elementi in possesso di stili, modalità, livelli di motivazione, talenti e competenze diverse. Essere in grado di lavorare in team in maniera efficace richiede doti e talenti non comuni. Se non li hai, affinali.

 

3. AFFINA LE TUE CAPACITA’ RELAZIONALI

Soft Skills 15/29. La conditio sine qua non ha un nome: FIDUCIA. La fiducia è alla base delle relazioni umane più solide. Il terreno sul quale costruire, utilizzando le proprie doti empatiche, rapporti di reciproco rispetto e leale collaborazione. Dimostrati affidabile. Chiedi rispetto, offri rispetto. Come ha detto la scrittrice afro-americana Maya Angelou: “Le persone si dimenticano quello che hai detto; le persone si dimenticano quello hai fatto, ma le persone non si dimenticano mai il modo in cui le hai fatte sentire”. E’, tra le soft skills, una di quelle alle quali devi prestare maggior attenzione.

 

4. MIGLIORA LA TUA ABILITA’ DI PRESENTAZIONE

Soft Skills 16/29. Rientra nelle abilità comunicative. Merita però tra le soft skills una segnalazione a parte per la grande importanza rivestita dalla capacità di presentare le tue idee, il tuo lavoro, i tuoi risultati ad un pubblico, catturandone l’attenzione.

SE SEI ARRIVATO FIN QUI, E STAI LEGGENDO QUESTE RIGHE, QUESTO È L’ESITO DI UN MIX TRA LA TUA CURIOSITÀ E LA MIA ABILITÀ DI PRESENTAZIONE. SE NON STAI LEGGENDO QUESTE RIGHE, IL PROBLEMA NON SI PONE; MA NEL PROSSIMO POST DOVRÒ RIPETERE LE STESSE COSE – PERCHÉ SONO COSE IMPORTANTI- UTILIZZANDO UNO STILE E UNA FORMA COMUNICATIVA DIVERSI.

 

5. DIVENTA CAPACE DI GESTIRE UNA RIUNIONE

Soft Skills 17/29. Impara a guidare una riunione di lavoro. Ho impiegato molti anni a rendermene conto. Avrei voluto comprenderlo prima. Almeno il 50% delle riunioni di lavoro oggi sono una perdita di energie e di risorse. Una perdita di tempo. Alzarsi dal tavolo delle riunioni e andare a fare un giro al parco non rientra precisamente tra le soft skills, ma in alcuni casi è la cosa migliore che tu possa fare.

 

6. DAI SPAZIO ALLE COMPETENZE DEGLI ALTRI

Soft Skills 18/29. Coordina il tuo gruppo, e sollecita l’espressione di pareri e la comunicazione delle idee. Cerca sempre di far parlare le persone che in un gruppo tendono a rimanere in ombra o sono più silenziose di altre. Sono regolarmente le persone che hanno le cose più interessanti da dire. Non disprezzare pareri e suggerimenti. Possono talvolta essere la chiave di volta per la soluzione di un problema e fornire un nuovo slancio ai progetti della squadra verso il raggiungimento di un obiettivo comune.

 

7. IMPARA VENDERE

Soft Skills 19/29. Impara a guidare un gruppo verso il “buy-in” di un’idea, una decisione, un’azione, un prodotto, un servizio. La capacità di vendere non riguarda strettamente le persone addette alla vendite o gli aspetti commerciali dell’azienda. Tra le soft skills  l’ “imparare a vendere” ha forti connessioni con la capacità comunicativa e l’empatia.

 

8. SVILUPPA IL TUO TALENTO DI LEADER.

Soft Skills 20/29. Crea e motiva un team qualificato; diventa in grado di cooperare con persone che hanno stili e personalità diverse, e diversi gradi di abilità e motivazione.  Definisci le idee in grado di ispirare e motivare il tuo gruppo a perseguire con impegno e dedizione l’obiettivo comune.

 

9. AFFINA LE TUE CAPACITA’ DI MENTORING e COUCHING.

Soft Skills 21/29. Trova allievi desiderosi di imparare, curiosi e capaci. E trasmetti il tuo sapere. Affiancali e sostienili nella formazione, aiutali a crescere.

 

8 SOFT SKILLS SEGRETE O DI CASTA

Soft skills segrete o di castaElenco delle soft skills che non sono comunemente presenti negli elenchi comuni. Le chiameremo softs skills di casta. Sono informazioni di carattere riservate, frutto dell’esperienza o del lavoro fatto con mentori o couch personali. Alcune persone possono transitare attraverso una intera carriera lavorativa senza mai venire a conoscenza di questo particolare tipo di soft skills.
 

 

1. ADOTTA UN APPROCCIO PROATTIVO CON IL TUO CAPO

Soft Skills 22/29. Crea una relazione umana, professionale e diplomatica con il tuo capo. Cerca di comprendere le sue aspettative rispetto a tuo lavoro, e quale sia la sua percezione della tua performance. E’ possibile che ti vengano proposte nuove sfide, offerte opportunità; oppure che semplicemente ci si aspetti da te un duro lavoro e una buona esecuzione dei compiti, senza altre aspettative. Questo dipende in larga misura dalla tua capacità di entrare in comunicazione con chi ti dirige, comprendendone e anticipandone le necessità, e costruendo una solida e sincera alleanza personale.

 

2. AUTO PROMOZIONE, PERSONAL BRANDING E REPUTAZIONE

Soft Skills 23/29. Sii proattivo. Impara a promuovere le tue competenze e consenti che i risultati del tuo lavoro vengano conosciuti e riconosciuti. Mantieni buone relazioni con persone della tua rete e con persone competenti e influenti che operano nella tua azienda e nel tuo settore. Non è sufficiente che il tuo capo sappia che sei una persona capace. Continua a costruire la tua reputazione presso tutti gli uomini chiave. Ottieni la loro attenzione, e la loro fiducia. Il duro lavoro, da solo, non è la garanzia del tuo successo.

 

3. SVILUPPA L’ABILITA’ DI TRATTARE CON PERSONE DIFFICILI

Soft Skills 24/29. Nel corso della tua attività incontrerai continuamente persone con le quali è difficile trattare. Mettiti nelle condizioni di poter perseguire gli obiettivi e i risultati sempre, indipendentemente da quanto ostico o spinoso tu possa trovare il carattere di una persona con la quale sei chiamato a collaborare.

 

4. IMPARA A GESTIRE SITUAZIONI DIFFICILI ED EVENTI INASPETTATI

Soft Skills 25/29. La vita è tutto ciò che ti accade mentre sei tutto intento a fare altri progetti. Mantieni al calma di fronte agli imprevisti. Possono travolgerti, o diventare la tua opportunità. Dipende da te.

 

5. IMPARA A LEGGERE LE COMUNICAZIONI IMPLICITE

Soft Skills 26/29. La comunicazione tra esseri umani passa solo in minima parte attraverso il canale verbale. E anche le parole possono avere molteplici significati. Impara a decodificare gli aspetti impliciti delle comunicazioni verbali, e le sfumature del non detto. Impara a decodificare il linguaggio non verbale, il linguaggio del corpo. Impara a riconoscere l’ambivalenza insita nei rapporti umani. Impedisci all’ostilità latente di minare la qualità delle tue relazioni umane e professionali. Impara a proteggerti dall’ingiustizia, e dalla possibilità di essere ingiusto. Sul piano della comunicazione si giocano le relazioni e le carriere. Impara le regole del gioco, per non essere giocato. E compromettere una brillante carriera.

 

6. SVILUPPA LA TUA CAPACITA’ DI INFLUENZARE E PERSUADERE

Soft Skills 27/29. Diventa capace di motivare e spingere le persone ma conserva il rispetto per le idee e le aspettative degli altri.

 

7. IMPARA A NEGOZIARE

Soft Skills 28/29. Non irrigidirti sulle tue posizioni, neanche quando sei certo di essere dalla parte della ragione. Resta disponibile all’ascolto, comprendi le ragioni degli altri. Poniti sempre come obiettivo il raggiungimento di una posizione “win-win” – non ferirà l’orgoglio di nesssuno, soddisferà entrambe le parti e manterrà aperti i rapporti per possibili collaborazioni future.

 

8. CREA UN NETWORK

Soft Skills 29/29. Ascolta, condividi, renditi interessante. Offri buoni motivi all persone per entrare a far parte della tua rete. Più estesa e influente è la tua rete, più diventa facile per te realizzare progetti (per esempio, trovare un lavoro, ricevere consigli, trovare partner commerciali, trovare clienti, ecc …)
 

Le voci di questo elenco sono molte. Possedere tutti questi talenti e queste soft skills sembra un’impresa impossibile.
Se sei arrivato fin qui sei uno stoico. Sei una persona determinata. Sono indici e predittori delle tue potenzialità di successo.

 

NON PREOCCUPARTI SE NON POSSIEDI OGNUNO DI QUESTI TALENTI. LA MAGGIOR PARTE DI NOI NE POSSIEDE MENO DELLA METÀ.

 

Ciò che realmente conta sono la tua disponibilità a metterti in discussione, a crescere e ad imparare. E questo può essere un buon punto di partenza per tentare di stabilire quali sono le soft skills che già possiedi, e quelle sui cui devi lavorare.

 

TI LASCIO CON UN BRANO CHE FORSE POTRÀ ISPIRARTI E GUIDARTI LUNGO IL TUO PERCORSO DI CRESCITA PERSONALE E DI AFFINAMENTO DELLE SOFT SKILLS E DEI TALENTI CHE DOVRANNO SOSTENERE LO SVILUPPO DELLA TUA CARRIERA E IL PERSEGUIMENTO DEL TUO SUCCESSO PERSONALE.

Se riesci a mantenere la calma
quando tutti intorno a te la stanno perdendo;
Se sai aver fiducia in te stesso quando tutti dubitano di te
tenendo però in giusto conto i loro dubbi;
Se sai aspettare senza stancarti di aspettare
o se calunniato non rispondi con calunnie
o se odiato non dai sfogo all’odio, senza tuttavia sembrare troppo buono
né parlare troppo da saggio;

Se sai sognare senza fare dei sogni i tuoi padroni;
Se riesci a pensare senza fare dei pensieri il tuo fine;
Se sai incontrarti con il successo e la sconfitta
e trattare questi due impostori allo stesso modo;
Se riesci a sopportare di sentire la verità che tu hai detto
distorta da imbroglioni che ne fanno una trappola per ingenui;
Se sai guardare con serenità alle cose e agli affetti distrutti
e ricostruirli con i tuoi strumenti ormai logori;

Se sai mettere insieme tutte le tue vittorie
e rischiarle in un solo colpo a testa e croce e perdere, e ricominciare da capo
senza mai lasciarti sfuggire una parola su quello che hai perso;
Se sai costringere il tuo cuore, i tuoi nervi, i tuoi polsi
a sorreggerti anche dopo molto tempo che non te li senti più
e così resistere quando in te non c’è più nulla
tranne la volontà che dice loro “resistete”;

Se sai parlare con i disonesti senza perdere la tua onestà
o passeggiare con i re senza perdere la tua naturalezza;
Se non possono ferirti né i nemici né gli amici troppo premurosi;
Se per te contano tutti gli uomini, ma nessuno troppo;
Se riesci a riempire l’inesorabile minuto dando valore ad ogni istante che passa
tua è la Terra e tutto ciò che vi è in essa
e – quel che più conta – tu sarai un uomo, figlio mio!

(Rudyard Kipling)

 

Articolo a cura di Adriano Legacci, psicologo psicoterapeuta, formatore aziendale

Sorgente: Soft Skills: i 29 segreti del manager vincente – Umaniversitas

Article written by